Valencia, Murillo e il suo addio all’Inter: “A Milano non mi trovavo più bene”

0
28

VALENCIA, MURILLO E IL SUO ADDIO ALL’INTER – Jeison Murillo è stato ceduto quest’estate dall’Inter al Valencia. Un trasferimento che ha fatto anche discutere dato che il difensore colombiano, all’inizio della sua avventura italiana, aveva fatto molto bene. Poi pero’ non è riuscito a mantenere il suo alto rendimento nella prosecuzione della sua esperienza milanese.

L’INIZIO DELLA SUA AVVENTURA IN ITALIA

Intervistato dal quotidiano spagnolo As Murillo racconta l’inizio della sua avventura in Italia: “Per un ragazzo sudamericano essere calciatore è tutto, ma alzarsi al mattino e sapere che il proprio sogno dipende il futuro della tua famiglia non è semplice. Ricordo che ricevetti una telefonata da un giorno all’altro per venire in Italia. Ero in Nigeria, non sapevo nulla che il mio club stesse trattando con l’Udinese. Mia madre scoppiò a piangere. Capì che era la mia grande occasione, la tecnologia ci aiutò ad andare avanti”. A Udine pero’ Murillo non giocò mai: “Superate le visite mediche mi mandarono a Granada. Il calcio italiano mi ha aiutato molto sul piano tattico, là sono esigenti da questo punto di vista, in Spagna ci sono più spazi”.

ALL’INTER TRA ALTI E BASSI

Poi arrivò l’Inter, Murillo motiva così la sua scelta di andare via da Milano: “Quando all’Inter capì di non avere più spazio ho voluto il Valencia, se non gioco mi innervosisco… Questa è sempre stata la mia prima scelta: conoscevo il club dagli anni giocati in Spagna, il calore del Mestalla mi ricorda la Colombia, poi ho creduto nel progetto vincente del club. Marcelino è un grande allenatore, mi dà fiducia e ci fa lavorare tanto: i risultati si vedono, spero di conquistarmi il Mondiale con questa maglia”.