Israele, invasione shock: voleva colpire Isco con un coltello

0
225

ISRAELE, INVASIONE SHOCK – Match di qualificaizoni ai Mondiali che potevano portare alla tragedia. Sono scioccanti le notizie che arrivano da Israele, dove ieri la nazionale di casa ha ospitato la Spagna nell’ultima giornata del girone G, lo stesso dell’Italia.

OBIETTIVO ISCO

Al Teddy Stadium di Gerusalemme, subito dopo la fine del match, sei tifosi israeliani si sono precipitati in campo. Uno dei sei invasori, come riporta il “The Times of Israel”, si è staccato dal gruppo e si è diretto verso il centrocampista della Spagna e del Real Madrid, Isco.

L’uomo aveva con sé un coltello con il quale avrebbe dovuto colpire lo spagnolo. Per fortuna dell’ex-Malaga, l’arma gli è caduta di mano prima di raggiungerlo e l’uomo, assieme agli altri cinque invasori di campo, è stato arrestato dalle forze dell’ordine.

Le forze dell’ordine, tramite il portavoce della polizia locale, Micky Rosenfeld, ha subito voluto difendere l’operato degli addetti alla sicurezza. Ecco le sue parole:

“Non ci sono state falle, le usuali misure di sicurezza sono state effettuate durante e dopo la gara”.

Isco, dunque, non sarebbe mai stato in pericolo, con tutte le autorità che hanno escluso qualsiasi minacci di un attacco terroristico. Resta però anche da capire come sia potuta entrare un’arma come quella in uno stadio.