Sampdoria-Milan, Montella: “Kalinic in vantaggio su Andre Silva”

0
168

austria vienna-milan, montellaSAMPDORIA-MILAN, MONTELLA – Il prossimo ostacolo sulla marcia del Milan in campionato è la Sampdoria. I rossoneri vogliono dare continuità alle vittorie con Udinese e Spal, ma la trasferta di Genova è tra le più complicate della stagione.

“DOMANI INIZIA LA NOSTRA STORIA”

Lo sa benissimo anche il tecnico, Vincenzo Montella, che, in conferenza stampa ha presentato la sfida, definendo quello di domani come il match che potrebbe cambiare la storia del Milan. Ecco le sue parole:

“Siamo carichi e motivati, abbiamo una classifica soddisfacente anche se non la guardo molto al momento. Con tanti calciatori nuovi sapevamo che avremmo potuto avere qualche difficoltà. Adesso il livello si alza un po’, per questo motivo dovremo essere ancora più bravi. Da domani si comincia a scrivere la nostra storia. Serve ancora una crescita tattica per raggiungere i nostri obiettivi, ma stiamo lavorando e sono molto contento da questo punto di vista. Non dimentichiamo che siamo la squadra più giovane del campionato”.

“KALINIC PIÙ PRONTO”

Continua il dualismo in attacco tra Kalinic e Andre Silva, con Cutrone terzo incomodo. Montella ammette che il croato è più pronto rispetto ai due compagni di squadra e che quindi parte in vantaggio nelle gerarchie:

“Andrè Silva è in crescita dal punto di vista mentale e tattico. Chiaro che quando vieni pagato tanto aumentano le aspettative nei tuoi confronti. Ha ancora bisogno di un minimo di adattamento al campionato italiano: sono soddisfatto del suo rendimento. Non dimentico però Kalinic e Cutrone, ci sarà sempre bisogno di tutti. In questo momento Nikola essendo più esperto è avvantaggiato rispetto agli altri”.

“SUSO DEVE SEGNARE DI PIÙ”

Una degli uomini chiave di questo Milan è sicuramente Suso, per il quale Montella ha un preciso ruolo tattico:

“Suso non ha bisogno di parole. Ha giocato benissimo l’anno scorso sull’esterno, ma credo che per una squadra come la nostra che deve ambire alla Champions League bisogna che segni di più, ragione per la quale si sposta di 10 metri. Sono sicuro che potrà dare tanto anche in questo ruolo”.